Vai a sottomenu e altri contenuti

UNIONI CIVILI TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO

Le unioni civili sono quelle unioni tra persone fondate su vincoli affettivi, alle quali l'ordinamento ha riconosciuto uno status giuridico simile al matrimonio con l'emanazione della legge numero 76 del 20 maggio 2016 (cd. legge Cirinnà).

Le unioni civili possono essere costituite da due persone, italiane o straniere, maggiorenni dello stesso genere, non legate da altro matrimonio o unione civile e non unite da legami adottivi o di parentela

Per la costituzione dell'unione civile, le parti devono rivolgere all'ufficiale dello stato civile di un comune di loro scelta, una richiesta congiunta, contenente le dichiarazioni dei dati anagrafici e l'insussistenza di impedimenti.

Succesivamente sottoscriveranno un processo verbale nella forma di atto di unione civile, iscritto nei registri di stato civile del Comune di celebrazione, alla presenza di due testimoni.

I contraenti potranno effettuare la scelta del regime patrimoniale e, se lo vogliono, scegliere un cognome comune, scelto fra i loro cognomi, da assumere per la sola durata dell'unione. La parte che modifica il proprio cognome, dichiarerà se sostituirlo con quello scelto o anteporlo o posporlo al proprio.

Il cittadino straniero, che intende costituire unione civile in Italia, deve presentare all'Ufficiale di stato civile anche una dichiarazione dell'autorità competente del proprio paese dalla quale risulti che nulla osta all'unione civile.

Diritti e doveri
Gli uniti civilmente acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri; dall'unione civile deriva l'obbligo reciproco all'assistenza morale e materiale e alla coabitazione. Entrambe le parti sono tenute, ciascuna in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacita' di lavoro professionale e casalingo, a contribuire ai bisogni comuni. Le parti concordano tra loro l'indirizzo della vita familiare e fissano la residenza comune; a ciascuna delle parti spetta il potere di attuare l'indirizzo concordato

Regime patrimoniale, fisco e previdenza
Il regime patrimoniale dell'unione civile tra persone dello stesso sesso, in mancanza di diversa indicazione, e' costituito dalla comunione dei beni.

Gli uniti civilmente godono dello stesso trattamento fiscale e previdenziale dei coniugi. A livello esemplificativo: detrazioni fiscali per familiari a carico e prima casa, assegno di mantenimento in seguito a divorzio, pensione di reversibilità e TFR in caso di morte di uno dei due.

Scioglimento dell'unione
Ogni partner può chiedere il divorzio in qualunque momento anche e se l'altro non è d'accordo.

A differenza di quello che avviene nel matrimonio, le unioni civili si possono sciogliere in modo più rapido senza previa separazione legale; è sufficiente infatti che i partner anche disgiuntamente comunichino all'Ufficiale di Stato Civile la loro intenzione di dividersi.

Trascorsi tre mesi dalla presentazione sarà possibile iniziare la procedura di divorzio che potrà essere richiesto tramite via giudiziale, tramite negoziazione assistita da un avvocato o mediante un accordo sottoscritto dalle parti davanti all'ufficiale di Stato Civile.

Il partner più debole avrà diritto agli alimenti e all'assegnazione della casa.

Requisiti

- essere maggiorenni e dello stesso sesso; - non essere coniugati né uniti civilmente tra di loro o con altre persone; - non essere parenti né affini o adottati tra di loro nei limiti previsti dall'art. 87 primo comma del Codice civile; - essere capaci di intendere e volere; - non essere stati condannati, per omicidio tentato o consumato nei confronti del coniuge dell'altra parte, ai sensi dell'art. 88 del Codice civile.

Costi

NESSUN COSTO

Normativa

Legge 20 maggio 2016 n. 76 (G.U. 21.05.2016) ''Regolamentazione delle Unioni Civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze''
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 144 del 23.07.2016

Documenti da presentare

  • documento d'identità
  • copia dei documenti d'identità dei due testimoni
  • richiesta costituzione unione civile
  • il cittadino straniero è richiesta una dichiarazione dell'autorità competente del proprio paese dalla quale risulti che nulla osta all'unione civile.

Incaricato

Ufficiale dello Stato Civile

Tempi complessivi

30 giorni

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
richiesta costituzione unione civile Formato odt 24 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto