Foto

Sant'Antioco

 Indirizzo: Via Regina Elena, 45 09074 Ghilarza (OR)

Il culto di S. Antioco ha in Ghilarza radici profonde. La data 1577, riportata su una lastra di pietra, a testimonianza dell’edificazione della chiesa, risulta essere posteriore al primitivo culto del Santo nel paese,infatti, il nome di Antioco in Ghilarza risultava già essere allora il più diffuso.
Fino al 1840 la chiesa risultava alquanto staccata dall’abitato, e perciò era fornita, come negli attuali santuari campestri di muristenes per ospitare i fedeli durante i giorni delle novene ed era inoltre in due lati circondata da loggiati.
Nel 1832 Mons. Bua affido la chiesa al gremio degli artigiani, che in precedenza avevano in affido la chiesa della Maddalena, ormai impraticabile, perché vi mantenessero vivo il culto della stessa Santa. Purtroppo l’unione non ebbe buon fine ed il culto della Maddalena si spense di lì a poco insieme al gremio degli artigiani. Nel 1873 venne collocato al suo interno l’antico altare della chiesa parrocchiale.
I più significativi cambiamenti avvennero, però nel 1896 quando la chiesa fu allungata includendo in essa i loggiati, vennero costruite due cappelle laterali dedicate a S. Filippo Apostolo e a Nostra Signora della Buona Morte e ne fu invertito l’ingresso da ovest ad est, recuperando con una gradinata il dislivello antistante la nuova entrata
La chiesa di S. Antioco ebbe anche una presenza francescana (cappuccini) intorno al 1698, che ebbe però breve vita. Pare, infatti, che la fondazione del convento francescano si dovesse ad un lascito testamentario di un fedele ghilarzese, insufficiente però, a detta della autorità conventuale, a garantire una dignitosa sussistenza ai frati e perciò la stessa autorità ne ordinò nel 1703 la definitiva soppressione.
S. Antioco conserva due feste aprile ed il primo sabato d’agosto. Vi si celebravano anticamente anche le novene d S. Gaetano e di Nostra Signora della Buona Morte. Tutt’ora nella chiesa, che rappresenta un riferimento "strategico" per la zona alta di Ghilarza viene celebrata settimanalmente la messa festiva.