murales (x web)

Nuove reti idriche nelle vie Matteotti, Meilogu, Campidano e Trexenta

  09/10/2018    |    Tematiche: Edilizia, LL.PP. e Urbanistica    |   

Abbanoa comunica che sono stati stanziati settantamila euro per rifare le reti nelle vie Matteotti, Meilogu, Campidano e Trexenta (sostituzione integrale delle condotte ormai deteriorate).

Scrive la società: «Abbanoa sta avviando un piano di efficientamento del sistema idrico di Ghilarza che inizierà proprio dalle quattro strade dove si sono registrate numerose rotture tanto da richiedere continui interventi di riparazione da parte delle squadre del Gestore.

Le vecchie tubature, realizzati in passato in materiale plastico, sono ormai inadatte a garantire il servizio. Per questo motivo Abbanoa ha inserito nel piano delle manutenzioni straordinarie del trimestre in corso un intervento deciso che prevede la sostituzione complessiva di ben 250 metri di condotte. Le nuove reti saranno realizzate in ghisa sferoidale, materiale che garantisce la migliore tenuta. Saranno rifatti integralmente anche gli allacci alle utenze, anch'essi realizzati dai precedenti gestori del servizio idrico in materiale che si è rivelato inadatto e soggetto a continue rotture. I lavori inizieranno nelle prossime settimane, appena arriveranno tutte le autorizzazioni. L'investimento è di 70mila euro: sono risorse stanziate dal bilancio di Abbanoa e utilizzate proprio per interventi di manutenzione straordinaria nelle reti più critiche.

Il Comune di Ghilarza è inserito tra i primi 130 Comuni interessati anche dal programma di ingegnerizzazione delle reti. Si di un modello innovativo basato sull'azione combinata di misure di campo, studi specialistici sull'assetto di rete, regolazioni e progressivi interventi strutturali sugli asset. Il processo di ingegnerizzazione si svolge a partire da un'indagine sulla rete ammalorata con installazione di misuratori portatili per l'esecuzione di prove idrauliche diurne e notturne e con ispezioni mirate per la localizzazione delle perdite. A tale fase segue la diagnosi, ovvero la definizione delle criticità e delle cause di malfunzionamento della rete, con successivi rilasci di prescrizioni sempre più evolute e dettagliate per le soluzioni tecniche ottimali da adottare, tra le svariate combinazioni possibili, al fine di efficientare la rete dal punto di vista idraulico, energetico e gestionale. Gli interventi gestionali e strutturali si inseriscono in questo processo sempre continuativamente e progressivamente».