murales (x web)

Elezioni regionali 2019, una guida alla legge elettorale

  21/01/2019    |    Tematiche: Affari istituzionali    |   

Pubblichiamo una guida alla legge elettorale elaborata dall’Ufficio elettorale del Comune di Ghilarza (pdf a lato).

 

Prima distinzione: Consiglio regionale, Giunta regionale, Presidente della Regione (n.b.: utilizzare il termine Governatore anziché Presidente della Regione non è corretto ma si tratta di una semplificazione giornalistica).

 

Il Consiglio regionale è l’organo legislativo della Regione (paragonabile a una sorta di Parlamento regionale). Il Presidente della Regione è ufficialmente il rappresentante della Regione Autonoma della Sardegna: ha la responsabilità di formare la Giunta regionale e dirigerne l’operato. Il Presidente della Regione e i componenti della Giunta sono gli organi esecutivi della Regione.

 

Il Consiglio regionale è composto da 60 Consiglieri, è eletto per cinque anni con voto attribuito a liste circoscrizionali ciascuna collegata alla carica di Presidente della Regione.

 

Le liste sono chiamate circoscrizionali in quanto il territorio della Regione viene ripartito in otto circoscrizioni elettorali: Cagliari, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Nuoro, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano e Sassari.

Ghilarza fa parte della ciroscrizione di Oristano.

 

Il numero dei seggi spettanti a ciascuna circoscrizione è calcolato dividendo la cifra della popolazione residente nella Regione, quale risulta dai dati ISTAT al 31 dicembre del penultimo anno precedente la data di convocazione dei comizi elettorali, per il numero dei seggi del Consiglio meno uno ed assegnando ad ogni circoscrizione tanti seggi quante volte il quoziente è contenuto nella cifra della popolazione residente nella circoscrizione.

 

La scheda elettorale

 

La votazione per l’elezione del Consiglio regionale avviene su un'unica scheda.

 

Da una parte avremo il contrassegno di ciascuna lista circoscrizionale, affiancato da due righe riservate all'eventuale indicazione di preferenza.

 

Sulla destra sarà invece riportato il nome e cognome del candidato alla Presidenza della Regione, affiancato dal contrassegno o dai contrassegni delle liste collegate.

 

In caso di collegamento di più liste circoscrizionali con il candidato alla Presidenza della Regione, il nome e cognome di quest'ultimo e i contrassegni delle liste ad esso collegate saranno posti al centro del secondo rettangolo.

 

Quando si vota

 

Si vota nella giornata di domenica 24 febbraio 2019: alle ore 6:30 riprenderanno le operazioni preliminari da parte degli uffici di sezione, al termine delle quali sarà dichiarata aperta la votazione che proseguirà fino alle ore 22:00.

 

 

 

 

Come si vota (in allegato il fac simile della scheda)

 

L’elettore può:

 

  • esprimere il suo voto per una delle liste circoscrizionali tracciando un segno nel relativo rettangolo;
  • esprimere, nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza, scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome dei candidati compresi nella lista stessa.
  • esprimere il suo voto per un candidato alla Presidenza della Regione, anche se non collegato alla lista circoscrizionale prescelta (c.d. voto disgiunto), tracciando un segno sul nome del candidato alla Presidenza.

 

N.b.:

 

Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l'annullamento della seconda preferenza.

Quindi non si possono votare due uomini o due donne bensì o:

-un uomo e una donna;

-solamente un uomo;

solamente una donna.

 

Se l'elettore esprime il suo voto soltanto per una lista circoscrizionale, il voto si intende validamente espresso anche a favore del candidato alla Presidenza della Regione collegato.

 

 

Premio di maggioranza

 

È eletto Presidente della Regione il candidato presidente che ha ottenuto nell'intera Regione il maggior numero di voti validi. Alla coalizione collegata al Presidente eletto è attribuito un premio di maggioranza.

 

Si assegna alla coalizione o al gruppo di liste non coalizzato collegati al Presidente proclamato eletto:

  1. a) il 60 per cento dei seggi del Consiglio regionale se il Presidente proclamato eletto ha ottenuto una percentuale di voti superiore al 40 per cento;
  2. b) il 55 per cento dei seggi del Consiglio regionale se il Presidente proclamato eletto ha ottenuto una percentuale di voti compresa tra il 25 ed il 40 per cento.

 

I seggi restanti dopo l'attribuzione dei seggi assegnati alla coalizione o al gruppo di liste non coalizzato collegati al Presidente proclamato eletto sono ripartiti tra tutti gli altri gruppi di liste ammessi all'attribuzione dei seggi.

 

Soglie di sbarramento

 

Sono esclusi dall'attribuzione dei seggi:

  1. a) i gruppi di liste che fanno parte di una coalizione che ottiene meno del 10 per cento del totale dei voti validi ottenuti da tutti i gruppi di liste a livello regionale;
  2. b) i gruppi di liste non coalizzati (c.d. liste singole) che ottengono meno del 5 per cento del totale dei voti ottenuti da tutti i gruppi di liste a livello regionale.

 

Si ricorda che:

Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico. (art. 48 Costituzione)

 

 

 

Normativa di riferimento:

 

Costituzione della Repubblica italiana

Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3

Legge costituzionale 31 gennaio 2001, n. 2

Legge regionale statutaria 12 novembre 2013, n. 1

Legge regionale statutaria 20 marzo 2018, n. 1

 

Legge regionale 6 marzo 1979, n. 7

Legge regionale 26 luglio 2013, n. 16

Legge regionale 12 dicembre 2018, n. 44

Decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361

Decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235

 

Legge 5 febbraio 1992, n. 104

Legge 21 marzo 1990, n. 53

Legge 15 gennaio 1991, n. 15

Decreto-legge 3 maggio 1976, n. 161

Legge 23 aprile 1976, n. 136

Decreto-legge 1 aprile 2008, n. 49

Decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 2000, n. 299

Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 223

Decreto-legge 3 gennaio 2006, n. 1

Decreto Lgs. 7 settembre 2012, n. 155