murales (x web)

Affidamento dei servizi relativi all'area minori e famiglie. Quesiti relativi al bando di gara.

  04/10/2017    |    Tematiche: Politiche sociali    |   

PROCEDURA APERTA PER LA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO PER L’AFFIDAMENTO DEI SERVIZI RELATIVI ALL’AREA MINORI E FAMIGLIE PER I COMUNI DEL PLUS DEL DISTRETTO GHILARZA-BOSA.

 

 

Quesiti relativi al bando di gara

 

Quesito n. 1

Requisiti di capacità tecnica:

  1. In riferimento ai requisiti di capacità tecnica si chiede di conoscere nel dettaglio il numero minimo di operatori complessivi, riferito alle diverse figure professionali, che il concorrente deve dichiarare di poter garantire.
  2. Inoltre si chiede se è possibile considerare l’impiego di una singola figura professionale nei diversi servizi previsti dal singolo lotto.

 

Risposta quesito n.1

  1. Non è previsto un numero minimo di operatori;
  2. Si è possibile considerare l’impiego di una singola figura professionale nei diversi servizi previsti dal singolo lotto.

 

Quesito n. 2

Condizioni contrattuali, economiche e normative, del personale attualmente impiegato – visto l’art. 13 del Bando di gara Punto III (lotto 1 e lotto 2), in cui è previsto che “Vista l’importanza della continuità relazionale nei servizi oggetto dell’appalto e al fine di valorizzare le competenze professionali esistenti la ditta dovrà garantire nel rispetto della normativa e in ottemperanza all’art. 37 del CCNL Cooperative sociali il mantenimento del personale attualmente operante nei servizi.”, si chiede il dettaglio delle condizioni, attualmente applicate, ed in particolare:

  1. il CCNL applicato;
  2. i livelli riconosciuti ed eventuali scatti di anzianità;
  3. numero di operatori impiegati per ogni qualifica;
  4. il monte ore settimanali di ogni operatore;
  5. eventuali benefit del personale;
  6. eventuali condizioni di miglior favore derivanti da accordi locali.

 

Risposta quesito n.2

  1. Per le informazioni sopra richieste, le stesse possono essere richieste in dettaglio all’RTI Ighinos con capofila cooperativa sociale A.D.A. con sede a Ghilarza.

 

Quesito n. 3

Il Bando di gara, al punto 19, stabilisce le modalità di redazione dell’offerta stabilendo un numero massimo di 15 facciate (fronte/retro), carattere arial 11, interlinea 1,5 per un massimo di 37 righe.

Fermo restando il limite di pagine, è possibile inserire nel progetto diagrammi, grafici, tabelle, quadri sinottici, cronoprogrammi o figure finalizzate a restituire sinteticamente alcuni dati ed indicatori relativi alla qualità dell’offerta progettuale con una formattazione differente dal testo?

Risposta quesito n.3

  1. Si è possibile inserire nell’elaborato progettuale diagrammi, grafici, tabelle, cronoprogrammi e quadri sinottici purché gli stessi consentano una lettura dei dati rapida ed efficace agevolando la valutazione e l’attribuzione dei punteggi.

 

Quesito n. 4

Come definito nella lettera B) dell’art. 19 del bando di gara relativo alla procedura in corso, gli elaborati progettuali dovranno essere redatti in fogli formato A4, carattere normale Arial 11, interlinea 1.5, per un massimo di 37 e di 15 facciate (per il LOTTO 1) e di 5 facciate (per i LOTTI 2 e 3).

Ferme restando le suddette indicazioni, la richiedente pone i seguenti quesiti:

  1. Se sia possibile, nella redazione delle offerte tecniche, indicare esclusivamente la numerazione dei sub-criteri indicati dall’art. 22 come elementi di valutazione e non anche il corrispondente contenuto (ad esempio: si riporta la dicitura “a.1”, ma non la sua esplicazione “Definizione delle fasi di lavoro, … etc);
  2. Se sia possibile inserire nell’elaborato progettuale diagrammi, grafici, tabelle, cronoprogrammi e quadri sinottici che consentano di acquisire in modo sintetico, rapido ed efficace dati, modalità procedurali e altri aspetti qualitativi dell’offerta, affinché sia possibile, in tempi congrui, la valutazione di merito di quei contenuti. A parere del richiedente, infatti, gli strumenti indicati rispondono a precise esigenze espositive e richiedono una formattazione diversa da quella indicata dall’art. 19. Un chiarimento su questo aspetto permetterebbe, inoltre, a ciascun concorrente di disporre delle medesime condizioni per la presentazione della propria offerta tecnica.

Risposta quesito n.4

  1. Si è possibile indicare esclusivamente la numerazione dei sub-criteri senza dover riportare il contenuto corrispondente;
  2. Si è possibile inserire nell’elaborato progettuale diagrammi, grafici, tabelle, cronoprogrammi e quadri sinottici purché gli stessi consentano una lettura dei dati rapida ed efficace agevolando la valutazione e l’attribuzione dei punteggi.

 

Quesito n. 5

In riferimento alla gara in oggetto si chiedono chiarimenti in merito a:

  1. - all' art 8 del bando è indicato un costo orario del ludotecario/animatore differente da quello che si ricava dalla tabella all' art 7 del bando; si fa inoltre presente che il livello di inquadramento dell'educatore senza titolo e del ludotecario/animatore è lo stesso per cui anche i costi orari dovrebbero coincidere; 
  2. - all' art 7 del bando, nella tabella relativa alle varie figure professionali da impiegare sul SET c'è lo psicologo per "supporto psicologico minori e famiglie" mentre nella tabella all' art 8 si parla di Psicologo coordinatore, che non viene menzionato altrove.

Risposta quesito n. 5

  1. In riferimento all' art 8 del bando relativamente al costo orario del ludotecario si precisa che il costo orario è dato dall’importo orario posto a base d’asta.

Relativamente al secondo punto si precisa che il livello calcolato per la figura di ludotecario/animatore è la categoria C2 come previsto nel contratto collettivo per le cooperative sociali.

  1. Relativamente alla figura dello psicologo la figura per “supporto psicologico minori e famiglie” è la stessa indicata successivamente come psicologo coordinatore.

 

 

Quesito n. 6

In riferimento alla gara in oggetto si fa presente che la quota oraria indicata all' art 8 del bando non comprende il 2% previsto per i materiali e si chiede quale quota oraria debba essere considerata dal momento che nell' offerta economica l'importo da indicare è onnicomprensivo, come indicato nello stesso art.8.

Risposta quesito n.6

1La quota oraria a base d'asta è comprensiva del costo del personale, dei costi di gestione (a loro volta comprensivi dei costi che la cooperativa dovrà sostenere autonomamente, fra cui anche eventuali materiali).

L'acquisto di materiale richiesto direttamente dall'Ufficio di Plus o dai servizi dei Comuni (vedi colonna tabella bando "costo annuo del materiale 2%")  verrà liquidato a rimborso e non rientra nel costo orario.

 

Ghilarza 04.10.2017

 

LA RESPONSABILE DEL SETTORE

F.to Anna M. Rosina Fenu