Foto

Posizioni organizzative

Ai sensi dell'art. 10, c. 8, lett. d del D. Lgs. 33/2013, l'amministrazione pubblica l'elenco e i curricula dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformità al vigente modello europeo.

I responsabili di servizio – titolari di posizione organizzativa

Dott. Andrea Mura - Responsabile del Settore Amministrazione generale e gestione giuridica del personale

Curriculum  - Dichiarazione di inconferibilità

Dott. Alessandro Defrassu - Responsabile del Settore tecnico, lavori pubblici e territorio
Curriculum Dichiarazione inconferibilità

Fabrizio Matzuzi - Responsabile del Settore Polizia municipale e tributi
Curriculum - Dichiarazione inconferibilità

Rag. Anna Rita Onida - Responsabile del Settore Economico e finanziario
Curriculum - Dichiarazione inconferibilità 

Dott.ssa Rosina Fenu - Responsabile del Settore servizi alla persona - Plus
Curriculum - Dichiarazione inconferibilità

Dott.ssa Giovanna Fadda - Responsabile del Settore socio-assistenziale
Curriculum - Dichiarazione inconferibilità

Le competenze dei responsabili di servizio

I responsabili dei servizi sono i soggetti preposti alla direzione delle articolazioni della struttura comunale.

I responsabili assicurano con autonomia operativa, negli ambiti di propria competenza, e nel rispetto delle proprie attribuzioni, l’ottimale gestione delle risorse loro assegnate per l’attuazione degli obiettivi e dei programmi definiti dagli organi politici;

essi rispondono inoltre della validità delle prestazioni e del raggiungimento degli obiettivi programmati.

Spettano ai responsabili, secondo le modalità stabilite dal regolamento, i compiti, compresa l’adozione di atti che impegnano il Comune verso l’esterno, che la legge, lo statuto o il regolamento per il funzionamento degli uffici e servizi espressamente non riservino ad altri organi, ed in particolare:

a) la presidenza delle commissioni di gara;

b) la responsabilità delle procedure d’appalto;

c) la stipulazione dei contratti;

d) gli atti di gestione finanziaria, ivi compresa l’assunzione di impegni di spesa;

e) gli atti di amministrazione e gestione del personale assegnato, con conseguente cura dell’affidamento dei compiti e verifica delle prestazioni e dei risultati;

f) i provvedimenti d’autorizzazione, concessione o analoghi, il cui rilascio presupponga accertamenti e valutazioni, anche di natura discrezionale, nel rispetto dei criteri predeterminati dalla legge, dai regolamenti, da atti generali d’indirizzo, ivi comprese le autorizzazioni e le concessioni edilizie;

g) l’emissione delle ordinanze cosiddette ordinarie, per ciascuna area di competenza, nel rispetto delle attribuzioni degli organi sovraordinati;

h) Le attestazioni, certificazioni, comunicazioni, diffide, verbali, autenticazioni, legalizzazioni ed ogni altro atto costituente manifestazione di giudizio e di conoscenza;

i) l’espressione dei pareri previsti dal testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali sulle proposte di deliberazione della Giunta e del Consiglio Comunale ;

j) l’attività propositiva, di collaborazione e di supporto agli organi dell’Ente, in particolare per quanto concerne la predisposizione degli atti di natura programmatoria;

k) la responsabilità dell’istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale per l’emanazione del provvedimento amministrativo, ivi compresi i procedimenti per l’accesso agli atti da parte dei cittadini; nel caso in cui venga esercitata la facoltà di assegnare tale responsabilità ad altro dipendente resta comunque in capo al responsabile del servizio la competenza all’emanazione del provvedimento finale;

l) la responsabilità del trattamento dei dati personali;

m) gli altri atti attribuiti ai responsabili dallo statuto e dai regolamenti.

Ai singoli responsabili dei servizi sono attribuiti tutti o parte dei compiti suindicati.

Alcuni di tali compiti possono altresì essere attribuiti dal Sindaco, con atto motivato, al segretario comunale.

Il grado di attribuzione dei compiti può essere modificato in relazione ai servizi svolti nell’ente ed agli obiettivi definiti dagli organi di governo, alle mutate esigenze di carattere organizzativo ed ai programmi dell’Amministrazione.